GUERILLA MARKETING

Definizione di Guerrilla marketing

Il Guerrilla marketing è una forma di marketing non convenzionale che sfrutta strumenti low-cost per massimizzare i risultati. Tra le definizioni più comunemente accettate di guerrilla marketing c’è quella che lo considera “un insieme di modi non convenzionali per raggiungere obiettivi tradizionali”.

Le teorie di Jay Conrad Levinson

Le teorie di Levinson, del resto, sembrano ancora valide in via generale. Forse anche in virtù del fatto che si tratta di una «fine strategia – precisa ancora Andrea Frausin – riassunta in 7 frasi super focalizzate e non in 200 pagine come talvolta sono i piani di marketing delle aziende». Sono frasi che potrebbero benissimo rappresentare anche fasi, step indispensabili quando si tratta di pensare a come utilizzare il guerrilla marketing per rispondere al meglio ai propri obiettivi di business.

  1. Spiegare, e in parte anche spiegarsi, i propri goal di marketing è, infatti, la prima proposizione di Levinson. Significa rispondere a domande come:“Cosa voglio che facciano i miei clienti? Qual è, soprattutto, l’azione più importante a cui li sto invitando con il mio messaggio?”.
  2. Capire come si intende raggiungere questi obiettivi, descrivendo i benefici che si garantiscono ai propri clienti, viene subito dopo. Una task fondamentale in questo senso è riconoscere il proprio vantaggio competitivo, quell’unique selling proposition che serve a distinguere la propria azienda dagli altri COMPETITOR e che si traduce, appunto, in un beneficio per l’acquirente finale.
  3. Quindi serve individuare il proprio target: chi comprerà con ogni probabilità i propri prodotti o servizi? Nella maggior parte dei casi può essere utile evidenziare, tra l’altro, un target primario e uno secondario.
  4. È importante anche individuare le nicchie: uno dei mantra da tenere in considerazione al giorno d’oggi è, infatti, che è più facile – nonché più conveniente – soddisfare i bisogni di uno stretto gruppo di persone, piuttosto che puntare a farlo con quelli di tutti.
  5. Arriva poi il momento di definire gli strumenti (per continuare nel solco della metafora militare, Levinson parla proprio di “armi”, ndr) di marketing che si intendono usare. In questo senso c’è un solo principio da rispettare: scegliere gli strumenti di marketing più adeguati da un lato al proprio business, dall’altro al proprio target di riferimento.
  6. Non perdere di vista l’identità del proprio business, del resto, è il successivo consiglio del padre del guerrilla marketing a chi voglia usare tecniche “non convenzionali”: in un tempo in cui non si acquistano più semplici prodotti o servizi, ma si acquistano marche è importante, infatti, che il brand abbia personalità e riesca a trasmetterla in ogni sua azione.
  7. Infine serve stabilire il proprio budget: è uno step immancabile e preliminare, del resto, all’ideazione di qualsiasi operazione di marketing e di comunicazione.

CONTATTACI SE VUOI PIANIFICARE ED AVVIARE ANCHE TU LA TUA CAMPAGNA

www.becomeadv.com

Latest articles

spot_imgspot_img

Related articles

Leave a reply

Please enter your comment!
Please enter your name here

spot_imgspot_img